2014/11/14

1969/11/14 6:00 Houston, 12:00 Italia – Sveglia dell'equipaggio

12,00: (ora italiana). Le 6 antimeridiane sulla costa orientale degli Stati Uniti. Il bollettino meteorologico annuncia cielo plumbeo e pioggia intensa sull'area di lancio. L'equipaggio di Apollo 12 viene svegliato. Insieme con i colleghi James McDivitt e Thomas Stafford, i tre astronauti consumano l'ultima colazione prima del lancio mangiando bistecche, uova, fette di pane tostato, succo d'arancia e caffè. Dopo essere stati sottoposti ad un rapido esame medico per accertare la loro idoneità fisica al volo, Conrad, Gordon e Bean iniziano la vestizione. Lungo tutto il corpo, ed in particolare sul torace, a contatto con l'epidermide degli astronauti, vengono applicati alcuni piccoli “sensori” necessari per misurare le pulsazioni cardiache ed il ritmo della respirazione, e per inviare a terra, con un dispositivo radiotelemetrico automatico, i dati che permetteranno ai medici del centro di controllo di Houston, di seguire, minuto per minuto, lo stato fisico dei tre piloti. Indossano quindi la combinazione di volo permanente, cioè una tuta aderente alla pelle e fatta su misura per ciascun membro dell'equipaggio. Vestono poi la tuta pressurizzata, un indumento formato da quattro strati di tessuto e fornita di attacchi per gli apparecchi di comunicazione e del sistema di espulsione dei rifiuti fisici.


Tratto dal libro Apollo Operazione Luna (1969).